Food & Beverage: i dati del Netcomm Focus Food 2017

Trasformazione digitale ed evoluzione dei consumi alimentari al Netcomm Focus Food. Come creare o trasformare il proprio business con le nuove tecnologie.

Il mondo del cibo si è incontrato a Milano venerdì 17 novembre in occasione dell’evento organizzato da Netcomm per aiutare le imprese del settore alimentare ad affrontare la trasformazione digitale.

 

Numerosi i relatori coinvolti che hanno condiviso la propria esperienza dimostrando come si può creare o trasformare il proprio modello di business per cogliere le opportunità che le nuove tecnologie offrono, con l’obiettivo di soddisfare i bisogni attuali e futuri dei consumatori. Tra questi, alcuni dei più importanti player del mercato come Amazon, Just Eat, Domino’s Pizza, Cortilia, Tannico e Eataly.

 

La premessa e il dato di fatto impossibile da ignorare è che il rapporto tra consumatore e cibo è cambiato.

 

L’evoluzione dei consumi alimentari

 

Tra le leve che muovono la scelta d’acquisto ci sono:

  • Convenienza (tempo e prezzo);
  • Esperienzialità;
  • Ricerca di prodotti specifici (salutistici, di qualità, di lusso);
  • Informazioni e contenuti.

 

Complici di questo cambiamento sono stati anche Internet e le nuove tecnologie. Siamo sempre più connessi e abbiamo sempre meno tempo a disposizione, ecco perché anche i social giocano un ruolo importante nell’influenza dei consumi e nella condivisione di esperienze.

 

Alcuni numeri:

  • 2 miliardi di dollari il volume di vendita nel mondo totalizzato dagli e-commerce nel mondo;
  • 1,5 miliardi di persone acquistano cibo online;
  • 4 milioni di persone in Cina acquistano normalmente online.

 

Online vs offline shopping

 

Tra i device utilizzati per l’acquisto, la percentuale di utilizzo dei dispositivi mobile cresce sempre di più col passare del tempo. Solo in UK e Cina più del 50% delle transazioni avviene da mobile.

 

Ciò non significa che l’online sostituirà l’offline, anche se il trend è in crescita (si prevede di arrivare al 15% degli acquisti totali effettuati online nel 2021), infatti le persone continueranno ad acquistare anche offline.

 

Negli acquisti online i marketplace hanno un ruolo sempre più centrale: Amazon, Alibaba e e-Bay si dividono quasi il 30% di tutto il mercato mondiale e il trend è in crescita.

 

La crescita riguarda anche il settore Food&Beverage online: a livello mondiale la Cina, seguita dall’Europa e dagli Stati Uniti, registra la crescita più significativa (23%, 13%, 11%).

 

E-commerce in Italia

 

Anche il mercato italiano conferma la tendenza positiva: 21 milioni di persone acquistano online (dato raddoppiato rispetto ai 9 milioni del 2011) e tra questi la percentuale di coloro che acquistano prodotti food è pari al 24% (nel 2011 era il 12%).

 

Altro dato interessante emerso dalle analisi è che i consumatori multidevice, coloro che utilizzano diversi dispositivi digitali anche contemporaneamente, acquistano di più e sono anche quelli definiti “everywhere stopper”, ovvero coloro che acquistano anche in negozio.

 

Il digitale apre nuovi scenari di filiera, nuovi modelli di business e nuovi contesti competitivi, per esempio: e-commerce dei brand, Food retailer, Ready to cook, Ready to eat.
Ma non solo, il digitale sta trasformando anche il food retail e l’e-grocery, basta pensare ad esempi come Cortilia, Supermercato24, AmazonDash Button e AmazonGo. Questa trasformazione coinvolge anche i ristoranti, pensiamo a tutte le piattaforme e i servizi digitali che ristoratori e consumatori possono utilizzare o consultare per erogare il servizio o per finalizzare il consumo.

 

La scelta strategica vincente per le aziende del settore sarà superare il dualismo tra online offline a favore dell’integrazione di questi due luoghi d’acquisto, investendo nella costruzione di esperienze sempre più coinvolgenti e multicanali.

 

Le sfide delle imprese food & Grocery:

 

  • I comportamenti di consumo stanno cambiando rapidamente facilitando l’avvento di nuovi modelli di business e nuovi player;
  • Il cambiamento attraversa tutto il settore, dal marketing alle operation, dalla distribuzione al merchandising;
  • La complementarietà online offline può aumentare l’engagement e le vendite multicanale
  • Mobile, localizzazione e nuovo retail stanno ridisegnando la customer journey;
  • Lo scenario competitivo si fa sempre più complesso e la filiera si trasforma;
  • È necessario lavorare sui fattori chiave della scelta on/off line del negozio: prezzo, qualità, convenienza, selezione, esperienza;
  • I dati devono essere alla base delle strategie di unified commerce delle imprese.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Linda Botti

Linda Botti

Ti potrebbe interessare anche

Social & Web Communication
Lorenzo D'Amelio

In Kenya “a caccia” di startup

Startup Africa Roadtrip è l’iniziativa che ha come obiettivo la scoperta dell’ecosistema dell’innovazione in Africa e il supporto della crescita tramite un ponte Italia/Europa – Africa.

Leggi Tutto »